BORGO E FRAZIONI

PERCORSO BORGHI e FRAZIONI

borgo e frazioni

 

LA VALLE CAUDINA

AUDIO TRACCIA 1: La Valle Caudina, il Pasaggio, il parco Regionale del Taburno Camposauro e il parco Regionale del Partenio

mp3 ico

I parchi Regionali in Valle Caudina

taburno

Il Parco Naturale Regionale Taburno-Camposauro, istituito il 6 novembre 2002, si estende per 12.370 ettari nella provincia di Benevento e ospita una popolazione di circa 25.000 abitanti. Nato per la tutela del massiccio Taburno-Camposauro, che fa parte dell’Appennino Campano, il Parco offre pregevoli risorse naturali e paesaggistiche in un contesto di notevole interesse storico, culturale e di tradizioni. Il massiccio, che culmina nelle vette del Taburno (m. 1394), Camposauro (m. 1388) e Pentime (m. 1170), si erge con versanti molto scoscesi dalla Valle del Calore, o Valle Telesina, a nord, che lo separa dal Matese, e dalla Valle Caudina a Sud, che lo separa dal Partenio, mentre a levante e a ponente digrada più dolcemente verso due corsi d’acqua minori, lo Jenga e l’Isclero. Visto dal lato est il profilo del massiccio ricorda quello di una donna sdraiata: è questo il motivo per cui è chiamato anche la Dormiente del Sannio. FONTE SITO UFFICIALE

patenio

Il verde continuo dei boschi su ogni altopiano, gli splendidi panorami che si godono dalle vette di Montevergine, del Vallatrone, di Toppola grande e Ciesco Alto sul Golfo di Napoli, sulla città di Avellino, sulla Pianura Nolana, incantano il turista che visita il Partenio. FONTE IL SITO UFFICIALE

LATO NUOVO

AUDIO TRACCIA 2: Lato Nuovo

mp3 ico

 

LATO VETERE

AUDIO TRACCIA 2: Lato Vetere

mp3 ico

BORGO FONTANELLE

AUDIO TRACCIA 3: Borgo Fontanelle

mp3 ico

CIRIGNANO (visita il sito ufficiale)

AUDIO TRACCIA 5: Cirignano, l’antica Cirene della Valle Caudina

mp3 ico

 

Cattura

Fonte Storica: Cirignano circolo agricolo di mutuo soccorso 1904

statuto cirignano

Cirignano statuto circolo agricolo di mutuo soccorso 1904

 

 

VARONI

AUDIO TRACCIA 6: I Varoni e la zona dei Casali

mp3 ico

TUFARA VALLE

AUDIO TRACCIA 7: Tufara Valle

mp3 ico

La via Appia nei disegni di Carlo Labruzzi alla Biblioteca Apostolica Vaticana

Di estremo valore storico le stampe riproduttive dell’Appia, e in particolare nella zona tra Montesarchio e Benevento presenti nella documentazione che si può raggiungere effettuando un click sulla seguente immagine di preview della pagina.

appia anticva

La Via Francigena, e il tratto detto “Il Cammino dell’Arcangelo”

appia

 

La via Appia Antica è una strada romana che collegava Roma a Brindisi, il più importante porto per la Grecia e l’Oriente nel mondo dell’antica Roma. L’Appia è probabilmente la più famosa ed e’ stata utilizzata dai pellegrini di tutta Europa per raggiungere Roma e quindi partire per la volta di Gerusalemme, tramite i numerosi porti pugliesi.

L’appia passava da Montesarchio. Infatti la valle Caudina e la valle Telesina, sono le uniche due possibili vie naturali per attraversare dal Tirreno all’Adriatico, la scelta della valle Caudina fu dettata dal fatto che non avendo fiumi e piccoli laghi paludosi era più salubre, in un periodo storico in cui la malaria era una malattia incurabile.

Attualmente alcune associazioni propongo un viaggio/pellegrinaggio verso Oriente a partire da Benevento seguendo le seguenti tratte:

  • Capua – Caserta Vecchia
  • Caserta Vecchia – Sant’Agate dei Goti
  • Sant’Agata dei Goti – Montesarchio
  • Montesarchio – Benevento
  • Benevento – Pietrelcina (15 Km)
  • Pietrelcina – Buonalbergo (22 Km)
  • Buonalbergo – Ariano Irpino /Aequm Tuticum (20 Km)
  • Aequm Tuticum – Monte San Vito / Troia (26 Km)
  • Troia – Lucera (20 Km)
  • Lucera – San Severo (23 Km)
  • San Severo – Santuario di Stignano (21 Km)
  • Santuario di Stignano – Monte Sant’Angelo

 

Le tratte non sono mai perfettamente lineari in questi pellegrinaggi, infatti molto dipendeva da dove si poteva avere alloggio gratuito, vuoi un convento, un ospitale, delle taverne oppure congreghe che avevano l’impegno di assistere i pellegrini. Un importante pellegrino passato da Montesarchio nel suo viaggio ad oriente fu San Francesco d’Assisi, e un convento di Montesarchio porta il suo nome anche per via del numero elevato dei monaci del suo ordine che transitarono in paese.Logo Cammina Francigena

FONTI STORICHE

promozione